Bio

Note biografiche e Filmografia

 

“La fisicità di Francesca Dellera è parlante, possiede quel qualcosa in più che hanno le figure schermiche di eccezione, tanto a suo agio davanti la macchina da presa che quando è vestita sembra nuda, e quando è nuda sembra vestita”.
(Tullio Kezich)

 

“Confronto ai canoni asessuati della bellezza dei nostri giorni, Francesca Dellera è una ragazza d’altri tempi, il suo biancore soffice, carnale, è di quelli che non si vedono più, essendo oggi la femminilità anche vistosa completamente asessuata, come vuole la televisione, come vuole la moda”.
(Natalia Aspesi)

 

Francesca, dopo la maturità classica si trasferisce a Roma dove lavora come fotomodella.

La notevole avvenenza fisica le frutta, in questo settore della sua carriera, diverse apparizioni in copertine di riviste nazionali e internazionali, ritratta spesso da grandi maestri della fotografia, come Helmut Newton, Dominique Isserman, Greg Gorman, Michel Comte , Andre’ Rau, Annie Leibovitz e tanti altri.

Francesca Dellera nasce come fotomodella ma il cinema si accorge subito di lei.
Grazie al suo indubbio impatto scenico, viene lanciata dal regista Tinto Brass, successivamente partecipa alla miniserie TV in 3 puntate La romana diretta da Giuseppe Patroni Griffi, adattamento televisivo dell’omonimo film diretto da Luigi Zampa nel 1954, a sua volta tratto da un romanzo di Alberto Moravia (Francesca insieme a Sofia Loren e Claudia Cardinale, è stata scelta dal grande scrittore per una delle sue rare interviste), dove oltre 10 milioni di spettatori la seguono nel ruolo di protagonista a fianco di Gina Lollobrigida. Per l’interpretazione di questo sceneggiato vince il Telegatto, ma è con il film “La carne”  diretta da uno dei più grandi autori del cinema italiano, Marco Ferreri, che ottiene notorietà a livello internazionale. Musa ispiratrice di Ferreri, che definisce Francesca Dellera “la pelle più bella del cinema italiano”, il film viene presentato con enorme successo a Cannes. Federico Fellini, colpito dall’interpretazione nel film di Ferreri, la sceglie per il ruolo di fata nel film “Pinocchio” che, tuttavia, per la sopravvenuta scomparsa del regista, non viene realizzato. Francesca Dellera è inoltre citata dallo stesso Fellini come una delle sue attrici preferite nel libro di John Baxter “Fellini, the biography”.

 

Amata in Francia per la sua sensualità mediterranea, è fra le attrici internazionali presenti nel libro che Cannes dedica ai 50 anni del prestigioso Festival.
Continua il suo successo in Francia e, dopo aver girato “L’ours en peluche” di Jacques Deray accanto ad una star internazionale come Alain Delon, è anche modella preferita per Jean Paul Gaultier, che la fa sfilare nella sua collezione, privilegio concesso solo a una star come Madonna.
Dopo alcuni anni trascorsi in Francia, torna a Roma per interpretare da protagonista Nanà, miniserie TV in 2 puntate diretta da Alberto Negrin, tratta dall’adattamento dell’omonimo romanzo di Émile Zola.
E’ poi protagonista del Kolossal per la tv, di coproduzione francese, La contessa di Castiglione, diretto dalla regista francese Josée Dayan, accanto a Sergio Rubini e Jeanne Moreau.

Di enorme impatto sul pubblico sono anche le campagne pubblicitarie realizzate dall’attrice. Premiata per il miglior spot dell’anno, con la regia di Maurizio Nichetti per la “IP”. Inoltre è stata testimonial di altre campagne di successo per marchi famosi.

FILMOGRAFIA:

  • Capriccio

  • Roba da ricchi

  • La Romana

  • La bugiarda

  • La carne

  • L’ours en peluche

  • Nanà

  • La contessa di Castiglione